Il Consiglio Esecutivo del Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha approvato oggi un esborso nell’ambito della Rapid Credit Facility (RCF) equivalente a 31,8 milioni di DSP (circa 43,4 milioni di dollari, il 100% della quota di Gibuti) per aiutare Gibuti a soddisfare le urgenti necessità della bilancia dei pagamenti derivanti dalla pandemia COVID-19. Ha anche approvato sovvenzioni nell’ambito del Catastrophe Containment and Relief Trust (CCRT) dell’FMI per coprire il servizio del debito di Gibuti che cadrà a carico dell’FMI da oggi al 13 ottobre 2020, l’equivalente di 1,692 milioni di DSP, pari a 2,3 milioni di dollari. Un ulteriore sgravio per il periodo dal 14 ottobre 2020 al 13 aprile 2022 sarà concesso in funzione della disponibilità di risorse nel CCRT, portando potenzialmente lo sgravio totale sul servizio del debito all’equivalente di 6,03 milioni di DSP, pari a circa 8,2 milioni di dollari USA.

La pandemia COVID-19 ha notevolmente indebolito le prospettive macroeconomiche a breve termine per Gibuti. Il paese sta affrontando un forte shock negativo della domanda esterna a causa della recessione globale. Sul piano interno, la prevenzione dei virus e le misure di contenimento stanno influenzando ulteriormente la domanda e l’offerta. Si prevede una contrazione della produzione dell’1% nel 2020 e la diminuzione delle esportazioni di servizi e degli investimenti diretti esteri ha aperto un urgente bisogno di finanziamento della bilancia dei pagamenti dell’ordine di 164 milioni di dollari. La pandemia ha anche creato un urgente fabbisogno di spesa, anche nel settore sanitario, ed è destinata a incidere negativamente sulle entrate statali.

A seguito della discussione del Consiglio Esecutivo, Mitsuhiro Furusawa, Vice Direttore Generale e Presidente ad interim, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “la pandemia COVID-19 sta avendo un forte impatto su Gibuti, creando urgenti necessità di finanziamento della bilancia dei pagamenti e del bilancio. Le autorità hanno agito rapidamente per contenere e mitigare la diffusione e l’impatto del virus. Le loro misure di prevenzione e di contenimento e le decisioni di aumentare la spesa sanitaria e le altre spese di emergenza per proteggere le famiglie e le imprese colpite dalla crisi contribuiranno a limitare le conseguenze economiche e sociali. La crisi e la risposta politica porteranno quest’anno ad un ampliamento del deficit fiscale. Il finanziamento d’emergenza del FMI nell’ambito della Rapid Credit Facility e l’alleggerimento del servizio del debito nell’ambito del Catastrophe Containment and Relief Trust forniranno la liquidità necessaria per sostenere la risposta delle autorità alla crisi e potrebbero catalizzare un’ulteriore assistenza da parte della comunità internazionale, preferibilmente sotto forma di sovvenzioni. Le autorità si impegnano a utilizzare le risorse aggiuntive in modo trasparente e a garantire che le spese siano ben mirate ed economicamente vantaggiose. Una volta superata la crisi, le misure temporanee dovrebbero essere sbloccate, con politiche che si concentrino sulla promozione di una ripresa forte e inclusiva e sul mantenimento della sostenibilità del debito a medio termine. Sarà fondamentale affrontare e prevenire il ripetersi di arretrati esterni, accelerare le operazioni dei progetti chiave e ridurre l’indebitamento del settore pubblico”. La riduzione delle spese fiscali sarà anche importante per creare spazio per la riduzione della povertà. Gli sforzi per rafforzare i bilanci delle banche, migliorare il contesto imprenditoriale e migliorare la governance e l’efficienza delle imprese pubbliche saranno essenziali per promuovere una crescita forte e inclusiva”.

RISPONDI

Prego inserisci un commento
Scrivi il tuo nome