Il Consiglio di Amministrazione della Banca Mondiale ha approvato il 29 maggio 2020 due nuovi progetti per un totale di 25 milioni di dollari di credito dell’Associazione Internazionale per lo Sviluppo (IDA), il braccio della Banca Mondiale per i Paesi più poveri. Il nuovo finanziamento aiuterà Gibuti ad affrontare la vulnerabilità, a promuovere una crescita economica inclusiva e a migliorare la fornitura di servizi.
La prima operazione, il progetto “Economic Management and Statistics Development for Policy Making” da 15 milioni di dollari, sosterrà il governo di Gibuti nel colmare le lacune di dati, migliorare la qualità e l’affidabilità dei principali prodotti e processi statistici ufficiali, rendere i dati più accessibili e migliorare le pratiche di diffusione, e contribuire a rafforzare la capacità istituzionale e tecnica e l’infrastruttura dell’Istituto Nazionale di Statistica di Gibuti (INSD).
Dati di alta qualità sono fondamentali per misurare i progressi nella crescita dell’economia, nella riduzione della povertà e nella promozione della prosperità condivisa”, ha detto Ilyas Moussa Dawaleh, Ministro dell’Economia e delle Finanze, responsabile dell’Industria. “Gibuti ha fatto un grande balzo in avanti e si è posta in prima linea nell’agenda dei dati aperti, ma occorre fare di più per garantire che i dati statistici siano attuali e aggiornati regolarmente al fine di prendere le giuste decisioni”. Le nostre politiche pubbliche devono avere un impatto sulla vita quotidiana dei nostri cittadini e, pertanto, devono essere basate su dati affidabili. Per avere successo, faremo un salto di qualità utilizzando le più recenti tecnologie, come l’intelligenza artificiale e i grandi dati”.
Affrontare le carenze di dati ha il potenziale per guidare un migliore processo decisionale e un cambiamento duraturo. A Gibuti, la mancanza di dati affidabili rimane un ostacolo critico per la comprensione della povertà, del benessere e degli sviluppi economici del Paese. Questa operazione sosterrà il tanto atteso censimento della popolazione, il primo censimento economico in assoluto, la preparazione dei conti nazionali e un programma di indagini economiche e sulle famiglie per aggiornare le statistiche e produrre dati in modo duraturo.
Attraverso questo progetto, otterremo una migliore comprensione della situazione economica del Paese e contribuiremo a sostenere una pianificazione e un processo decisionale basato su dati concreti che soddisfi meglio le esigenze della popolazione, compresi i gruppi vulnerabili” ha dichiarato Marina Wes, direttore della Banca Mondiale per l’Egitto, lo Yemen e Gibuti.
Nuove ondate di sfollamenti dall’Etiopia, dall’Eritrea, dalla Somalia e dallo Yemen hanno ulteriormente aggravato i già fragili servizi pubblici di Gibuti. Inoltre, più recentemente, la crisi di COVID-19 e la recente epidemia di locuste hanno avuto un impatto significativo sulla salute pubblica e sull’economia, minacciando la sicurezza alimentare e le opportunità di sostentamento.
In risposta, il finanziamento aggiuntivo di 10 milioni di dollari approvato oggi nell’ambito del Progetto di risposta allo sviluppo per gli impatti dello sfollamento nel Corno d’Africa contribuirà ad affrontare queste vulnerabilità. L’operazione migliorerà l’accesso ai servizi sociali ed economici in modo che il Paese possa adattarsi al cambiamento del contesto e creare opportunità economiche sia per i rifugiati che per le comunità che li ospitano. Il progetto includerà anche una componente di risposta alle emergenze contingenti (CERC) per sostenere la preparazione alle emergenze e la capacità di risposta di Gibuti.
L’onere degli spostamenti ricade in gran parte sui paesi ospitanti”, ha detto Boubacar-Sid Barry, rappresentante della Banca Mondiale residente a Gibuti. Il nostro programma aiuterà Gibuti a rafforzare le condizioni economiche e sociali nelle aree che accolgono i rifugiati e ad assistere sia i rifugiati che le comunità ospitanti”.
Il portafoglio della Banca Mondiale a Gibuti è costituito da 14 progetti finanziati dall’IDA per un totale di 209 milioni di dollari. Il portafoglio si concentra su istruzione, salute, reti di sicurezza sociale, energia, sviluppo delle comunità rurali, riduzione della povertà urbana, modernizzazione della pubblica amministrazione, governance e sviluppo del settore privato, con particolare attenzione alle donne e ai giovani.

RISPONDI

Prego inserisci un commento
Scrivi il tuo nome