È stato nominato in Sudan il nuovo governo, forte di 20 ministri e presieduto dal premier ad interim Abdallah Hamdok.

Sette ex capi ribelli sono stati inseriti nel nuovo esecutivo, a garanzia degli accordi di pace siglati lo scorso ottobre per favorire il superamento delle tensioni e conflitti che per oltre dieci anni hanno insanguinato il paese.

Tra i ministri figura l’ex leader ribelle del Darfur Gibril Ibrahim del partito Giustizia e Uguaglianza, JEM), nominato al dicastero delle finanze, e Mariam Assadiq al-Mahdi (del partito Umma Nazionale) alla guida del ministero degli esteri, figlia dell’ex primo ministro Sadiq al- Mhadi, l’ultimo premier eletto democraticamente nel paese, decaduto con il golpe del 1989.

Due ministri sono stati scelti all’interno dell’apparato militare, mentre la restante parte è stata espressa dal partito Forze per la Libertà e il Cambiamento, che ha guidato la protesta del 2019 attraverso la quale è stato deposto l’ex presidente Omar al-Bashir.

Tre ex leader ribelli sono stati nominati anche all’interno del Consiglio Sovrano, l’organo di governo presieduto dal Generale Fattah al-Burhan, aprendo in tal modo al Fronte Rivoluzionario del Sudan, che include a sua volta quattro movimenti politici.

L’obiettivo del premier ad interim Hamdok è adesso quello di negoziare l’ingresso nel governo delle altre forze d’opposizione che non hanno siglato l’accordo dello scorso ottobre, nell’intento di pacificare la regione del Darfur e favorire un processo di riconciliazione nazionale.

Il traguardo è adesso quello delle elezioni generali del 2022, cercando contestualmente di far ripartire l’economia nazionale anche grazie allo sblocco degli aiuti finanziari assicurati dagli Stati Uniti.

RISPONDI

Prego inserisci un commento
Scrivi il tuo nome