La società mineraria australiana Danakali, impegnata in Eritrea nello sviluppo di un grande impianto per la produzione di solfato di potassio, nell’ambito di un progetto congiunto a Colluli con la Eritrean National Mining Corporation, starebbe valutando di incrementare la portata del progetto industriale attraverso lo sviluppo di un centro per la produzione di energie rinnovabili.

Il progetto, più ad ampio raggio, potrebbe secondo i vertici della compagnia includere anche lo sviluppo di un sistema per la produzione di energia solare, eolica e geotermica, che sarebbe poi utilizzata per l’alimentazione della produzione di solfato di potassio (potendo in tal modo certificare la Danakali come industria ad emissioni zero) e per la distribuzione locale.

L’area di Colluli, dove la Danakali è impegnata nello sviluppo del progetto, è stata analizzata geologicamente nel 1996 dallo US Geolocical Survey in cooperazione con il Ministero delle Miniere e dell’Energia eritreo, individuando soprattutto nell’area di Alid riserve geotermiche con un potenziale di 250/300 gradi Celsius. Condizioni che potrebbero giustificare lo sviluppo di un impianto geotermico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here