In Etiopia il primo ministro Abiy Ahmed ha annunciato il 16 aprile la costituzione di un Comitato Nazionale per la Sicurezza delle Elezioni (NESC), incaricato di assicurare il pacifico svolgimento delle elezioni nazionali programmate per il prossimo mese di giugno.

Il comitato sarà composto da esponenti della polizia federale, dell’intelligence, dal procuratore generale, da esponenti del Ministero della Difesa e da rappresentanti delle autorità statali regionali, e avrà come specifico compito quello di garantire il libero e pacifico svolgimento delle elezioni e favorire lo sviluppo di quella che il primo ministro ha definito come una più solida “cultura democratica”.

Il comunicato, diramato dall’ufficio del premier Abiy Ahmed, è stato accompagnato dall’auspico del primo ministro agli etiopici per una “opportunità di trasformare il paese in una nuova era di governo e di prosperità che si addice alla sua lunga storia. A questo scopo, l’impegno del governo federale di tenere le prime elezioni libere, eque e pacifiche è stato fondato sui preparativi in corso per raggiungere questo obiettivo”.

Secondo quanto indicato nel comunicato del primo ministro, il Comitato “adotterà speciali misure per identificare le aree dove sussiste un rischio di conflitto”, mentre alla Corte Suprema Federale è stato affidato il compito di organizzare la gestione delle dispute e della gestione di ogni controversia connessa alla elezioni.

È stata confermata – sebbene ancora in via provvisoria – la data del 5 giugno come idonea allo svolgimento delle elezioni, mentre non è ancora stato chiarito come e quando la regione del Tigrai potrà procedere con sue proprie elezioni.

8.209 candidati avrebbero già fatto domanda di registrazione nei collegi elettorali, sebbene appaia alquanto incerto il contesto entro il quale il primo ministro intenda procedere con le elezioni politiche, alla luce non solo delle tensioni in Tigrai ma anche delle crescenti violenze in numerosi altri stati regionali della federazione etiopica.

RISPONDI

Prego inserisci un commento
Scrivi il tuo nome